Foggia, ora puoi crederci! A Verona per il miracolo

Dopo una partita dura, il Foggia riesce ad imporsi sul Perugia grazie ad un rigore trasformato da Greco nel secondo tempo. Circa 11300 spettatori spingono i satanelli alla conquista di 3 punti importantissimi in chiave salvezza. La squadra di Nesta mostra un bel calcio e costruisce qualche pericolo contro la retroguardia rossonera, ma non riesce a segnare.

Mister Grassadonia conferma il solito 3-5-2: Leali; Martinelli, Billong, Ranieri; a centrocampo la sorpresa è lo schieramento di Zambelli a sostituire lo squalificato Kragl, affiancato da Deli, Greco, Busellato e Gerbo; tandem d´attacco composto da Mazzeo e Iemmello. Nesta opta per un 4-3-1-2 con: Gabriel tra i pali, difesa composta da Rosi, Gyomber, El Yamiq e Mazzocchi; centrocampo con l´ex Carraro, Kouan e Dragomir; ad agire sulla trequarti il talentuoso Verre; attacco composto da Vido e Sadiq.

Prima occasione della gara al 15´, subito pericolosi gli ospiti con l´ex Carraro, che fuoriarea finta il tiro con il destro, porta la palla sul sinistro, calcia verso la porta e colpisce il palo alla destra di Leali. Al 20´ Zambelli mette in area un bel cross, dopo la respinta corta della difesa arriva Iemmello che calcia la sfera di sinistro, la conclusione termina di poco fuori. Ancora il Foggia 2 minuti più tardi con Deli che imbuca dentro l´area Busellato che calcia forte a giro, bravo Gabriel a farsi trovare pronto e respingere il pallone. Al 27´ Rosi effettua un tiro cross basso e centrale, nessuno tocca la sfera prima di Vido che segna, ma l´assistente indica posizione irregolare dell´attaccante perugino. Pericolosissimo Verre al 36´, con un doppio passo manda fuori tempo due centrocampisti Dauni, calcia forte e rasoterra verso la porta centrando il secondo palo. Al 47´ il Foggia sfiora il vantaggio con Francesco Deli. In contropiede parte palla a terra Busellato, che entra in area di rigore, effettua un bel retropassaggio verso la mezzala rossonera che di prima calcia centrale, respinge l´estremo difensore.

La ripresa entra nel vivo al 69´ quando Vido calcia dai 20 metri un pallone che termina di poco fuori alla sinistra del portiere. Episodio chiave della gara al minuto 74, Gerbo prova ad imbucare in area di rigore Mazzeo, il centravanti dei satanelli viene messo giù da Sgarbi ed il signor Di Paolo decreta calcio di rigore a favore dei padroni di casa. Alla battuta si presenta nuovamente Leandro Greco, che calcia forte, a mezz´altezza sulla sua destra e non lascia scampo a Gabriel, il quale riesce solo a toccarla, 1-0 Foggia ed impazzisce di gioia lo Zaccheria. La gara continua fino al 96´ con un continuo possesso palla del Perugia che cerca in ogni modo di scardinare un´attenta difesa, i foggiani resistono con le unghie e con i denti, portano a casa un successo e 3 punti d´oro per l´ambiente in un interminabile serata.

I satanelli allungano la loro permanenza in cadetteria almeno per altri 5 giorni, intanto è partito il toto-risultati, con i tifosi che fantasticano sui possibili risultati dell´ultima giornata e sulla speranza di avere indietro almeno un punto di penalizzazione, che in questo momento potrebbe far davvero la differenza. Il Foggia si giocherà l´accesso ai playout al Bentegodi, nello stadio più ostico della sua storia, un tabù in più da sfatare per una squadra imprevedibile e motivata con le casacche rossonere.

(Visitato 12 volte, 1 visite odierne)

Informazioni sull'autore dell'articolo

Potrebbe interessarti anche

LASCIA IL TUO COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *