MANFREDONIA:I CONTROLLI DEI CARABINIERI SUI PREGIUDICATI DI VIESTE PORTANO AD UN NUOVO ARRESTO, IN FLAGRANZA, DI DELLA MALVA DANILO PIETRO PER RIPETUTE VIOLAZIONI DEGLI OBBLIGHI IMPOSTI DALLA SORVEGLIANZA SPECIALE.

 

MANFREDONIA: I CONTROLLI DEI CARABINIERI SUI PREGIUDICATI DI VIESTE PORTANO AD UN NUOVO ARRESTO, IN FLAGRANZA, DI DELLA MALVA DANILO PIETRO PER RIPETUTE VIOLAZIONI DEGLI OBBLIGHI IMPOSTI DALLA SORVEGLIANZA SPECIALE.

 

 

Durante la serata di ieri i Carabinieri della Tenenza di Vieste hanno arrestato Della Malva Danilo Pietro, pregiudicato viestano di 32 anni, sorprendendolo nella flagranza del reato di violazione della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno cui era stato sottoposto.

Nell’ambito dei servizi di controllo del territorio, i militari della locale Tenenza Carabinieri hanno dato corso a numerosi e ripetuti controlli nei confronti dei soggetti particolarmente pericolosi, appartenenti ai gruppi criminali coinvolti nei recenti fatti di cronaca, tra cui appunto Della Malva Danilo Pietro, elemento di spicco del clan facente capo a Raduano Marco.

Durante alcuni di questi servizi di osservazione, controllo e pedinamento, i Carabinieri hanno notato e documentato reiterate violazioni che il DELLA MALVA ha commesso alle prescrizioni impostegli con la misura di prevenzione della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza con obbligo di soggiorno, sorprendendolo tra l’altro in compagnia di altri pregiudicati del posto ed appartenenti anch’essi al gruppo di RADUANO.

Per tale motivo, all’ennesima violazione constatata, i Carabinieri hanno ieri proceduto all’arresto in flagranza del DELLA MALVA, informando immediatamente il Pubblico Ministero di turno della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Foggia, che ha disposto che l’arrestato fosse posto agli arresti domiciliari presso la sua abitazione, in attesa dell’udienza di convalida del suo arresto da parte del Giudice per le Indagini Preliminari.

(Visitato 96 volte, 1 visite odierne)

Informazioni sull'autore dell'articolo

Potrebbe interessarti anche

LASCIA IL TUO COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *