PRESO CATERINO UNO DEGLI AUTORI DEL PLURIMO OMICIDIO DEI FRATELLI LUCIANI

PRESO CATERINO UNO DEGLI AUTORI DEL PLURIMO OMICIDIO DEI FRATELLI LUCIANI, AVVENUTO UN ANNO FA, ALL’INCROCIO DELLA STRADA SAN SEVERO-APRICENA

E’ CADUTO NELLE MANI DEI CARABINIERI DI FOGGIA GIOVANNI CATERINO UNO DEGLI AUTORI DEL PLURIMO OMICIDIO DEI FRATELLI LUCIANI, AVVENUTO NELLA CAMPAGNIA DI APRICENA, ALL’INCROCIO DELLA STRADA PROVINCIALE SAN SEVERO – APRICENA.

Come si ricorderà, la sera del 9 agosto 2017 un Comando criminale verosimilmente per un regolamento di conti all’interno della criminalità organizzata, freddava con armi sofisticate, il boss Luciano Romita e suo cognato Matteo De Palma, entrambi di Manfredonia.

Nell’agguato venivano coinvolti ed uccisi i fratelli Luigi ed Aurelio Luciani, agricoltori, vittime innocenti che, una pura casualità si trovavano sul posto e quindi, andavano eliminati in quanto testimoni scomodi secondo la logica criminale e mafiosa.

All’alba di ieri, i Carabinieri del Comando Provinciale di Foggia ed il Reparto Crimini Violenti del ROS di Roma, con il supporto della Compagnia CC di Barletta hanno eseguito una ordinanza cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Bari su richiesta della DDA di Bari nei confronti di Giovanni Caterino per concorso nel plurimo omicidio e detenzione e porto armi e di Luigi Palena per detenzione e porto armi.

Secondo quanto riferito dal procuratore della DDA di Bari,Francesco Giannella, l’arresto da parte dei Carabinieri del Caterino e Palena è stato preceduto da una intensa indagine con i servizi sul territorio ed i riscontri dei dati provenienti da una decina di telecamere in forza dei quali è stata anche appurato l’implicazione nel plurimo omicidio di Saverio Tucci di Manfredonia, già condannato per traffico di droga, a sua volta ucciso da altro malavitoso, tale Carlo Magno che si sarebbe costituito alla polizia olandese e, successivamente estradato per l’Italia.

 

(Visitato 306 volte, 1 visite odierne)

Informazioni sull'autore dell'articolo

Potrebbe interessarti anche

LASCIA IL TUO COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *