La politica tra verità e bugie

SECONDO ME

La vita sociale e politica tra veri credenti e dichiarati tali

==============

L’essere ateo è una vera disgrazia perché chi realmente,nonostante ogni suo sforzo e ricerca, non riesce a credere, giocoforza ha il respiro corto, non è proiettato al di là della morte terrena verso la beatitudine dell’eternità.

Ovviamente non si intende affermare che gli atei sono cattivi e malvagi, poiché vi sono persone che operano per il bene indipendentemente dalla fede, per una loro scelta civile di vita.

Né siamo qui per castigare gli atei ma, piuttosto coloro che si dichiarano credenti in una divinità ma poi, a conti fatti, non lo sono poiché, al di là di quello che essi dichiarano di professare, si comportano male, non rispettando i dettami fondamentali della fede dichiarata.

Mi viene fatto di pensare che se gli uomini ,nella maggioranza, fossero veramente credenti ,il Mondo andrebbe molto meglio di come va ora.

Se gli uomini credessero realmente nell’al di là , giocoforza il loro comportamento dovrebbe prestarsi ad una maggiore correttezza di comportamenti, ad un maggior rispetto verso l’essere umano che hanno di fronte, qualsiasi uomo ,amico o fratello, prediligendo il bene comune anziché in modo esclusivo il proprio interesse e tornaconto.

Ed sappiamo quanta infingardaggine, quanta ipocrisia e malvagità produciamo e ci avvolge e,forse,ci soffoca.

Il credente coerente con il suo credo, ama i suoi simili, considera tutti gli uomini suoi fratelli, mai infierisce contro nessun essere vivente, rispetta la dignità umana ma anche quella degli esseri appartenenti al mondo animale e vegetale.

Così dovrebbe essere a stretto rigore,ma sappiamo benissimo come prevalentemente vanno le cose di questo Mondo !.

Ormai da tempo dovremmo aver compresa la lezione : credente non è colui che si professa tale, ma colui che è tale sulla base del concreto comportamento tenuto in ogni momento della sua vita.

Naturalmente nessuno può certamente sindacare l’animo umano e giudicare se una persona è onesta o meno, se non Dio stesso,almeno per chi crede.

Sta di fatto che le nefandezze umane sono tante e tante : Ingiustizie, inquinamenti, disastri causati dall’egoismo umano (vidi i tanti disastri legati ai manufatti edilizi costruiti e manutenuti non secondo i criteri dovuti).

Tante nefandezze che ,con una buona dose di pessimismo, ci fanno capire che spesso noi uomini siamo più avvezzi a mentire con gli altri e con noi stessi, e dichiarare quello che realmente non siamo o facciamo.

Applicando questi concetti alla attività politica,verosimilmente credo che la Politica spesso non riesce a migliorare le condizioni di vita dei cittadini perché le gambe sulle quali cammina appartengono,non so dire in che misura, ad uomini e donne ai quali non sta a cuore il c .d. bene comune; e tutto ciò al di là delle retoriche dichiarazioni che giornalmente ci provengono dai diversi rappresentanti di partito.

A parole alcuni politici (per fortuna non tutti) si sperticano in dichiarazioni solenni con le quali dichiarano di voler perseguire gli interessi generali dello Stato, della città che amministrano,ma ,poi, a conti fatti, assistiamo al degrado materiale dei centri abitativi ed a quello morale dei loro cittadini.

Questo è quello che penso e spero che sia condiviso da qualche altra persona.

Giuseppe Pizzìcoli

(Visitato 117 volte, 1 visite odierne)

About The Author

Potrebbe interessarti anche

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *