Agguato ai danni di Giovanni Cristalli. Il sindaco, Giuseppe Nobiletti, è molto amareggiato per quanto accaduto nel pomeriggio di oggi e chiede maggiore collaborazione ai suoi concitt

L’agguato ai danni di Giovanni Cristalli, 34enne pregiudicato del luogo, ha scosso l’intera comunità. Il sindaco, Giuseppe Nobiletti, è molto amareggiato per quanto accaduto nel pomeriggio di oggi e chiede maggiore collaborazione ai suoi concittadini e soprattutto alle Forze dell’Ordine per individuare gli autori del tentato omicidio.
“L’episodio di oggi è il più grave che sia mai successo a Vieste. Sparare in pieno giorno, nel centralissimo corso Fazzini, a due passi dal municipio con la gente che passeggiava, con i ragazzi a giocare in villa e con gli ultimi turisti di una lunghissima stagione estiva seduti al bar a gustare un gelato, è una cosa a dir poco allucinante. Per poco non ci sono stati morti. Poteva verificarsi una tragedia come quella di San Marco in Lamis. Per fortuna si è trattato solo di un ferimento. Pensavamo di aver finalmente chiuso la stagione degli attentati, degli omicidi, invece il fuoco cova sotto la cenere. Ci siamo trovati nel bel mezzo di una sparatoria alle 3 del pomeriggio. Non è da città civili, ancor di più per una località turistica come Vieste. Siamo pronti a reagire, non abbiamo paura ma chiediamo per l’ennesima volta un intervento massiccio da parte dello Stato perché questi episodi a Vieste non devono più ripetersi. Mi appello soprattutto al Prefetto di Foggia. Non è concepibile che si spari alle tre del pomeriggio nel cuore della città, e soprattutto che questi malviventi si trovano ancora in libertà. E’ necessario che venga fatta una pulizia radicale in questa città, indispensabile per la vita dei nostri concittadini e dei turisti. Ancora una volta l’immagine di Vieste è stata macchiata. Ora basta”.
(Visitato 222 volte, 1 visite odierne)

About The Author

Potrebbe interessarti anche

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *