COSTITUITI GLI ORGANI DIRETTIVI DELLA LEGA A SAN GIOVANNI ROTONDO ED IN PROVINCIA

COSTITUITI GLI ORGANI DIRETTIVI DELLA LEGA A SAN GIOVANNI ROTONDO ED IN PROVINCIA

============

La Segreteria Provinciale della Lega,dopo aver ringraziato Francesco Cavorsi per il lavoro svolto,ha scelto Raimondo Ursitti come segretario del Partito..

Cerignola, “il segretario precedente Salvatore Zamparese entra a far parte per le sue qualità e professionalità nel direttivo provinciale con delega alla Sanità e lascia spazio a Joseph Splendido”.

Ad Orta Nova “dopo un periodo molto caotico, prenderà le redini del partito il vicesegretario provinciale, Silvano Contini“.

Per quanto riguarda Vieste, “nonostante il lavoro di Lucia Zito, crediamo che resti una cittadina in cui il potenziale della Lega sia ancora totalmente inespresso. Pertanto la scelta del commissariamento è finalizzata al raggiungimento di una più adeguata promozione.

Il segretario regionale, Andrea Caroppo e il segretario provinciale, Daniele Cusmai, hanno affidato l’incarico di segretario provinciale della Lega Giovani a Mario Giampietro, classe 1992. Il ventinovenne Daniele Bonaccorso invece è il segretario cittadino del capoluogo dauno

La segreteria provinciale della Lega Giovani è composta dal dott. Mario Giampietro,segretario, Alessandro Marzocco, vicesegretario; dal dott. Fabrizio Simone, responsabile comunicazione e social, nonché delegato alla Cultura; da Alfonso Carella, responsabile organizzazione; da Antonella Castriotta, responsabile quote rosa; da Walter Spinapolice, delegato ai rapporti col mondo scolastico e universitario; dal dott. Saverio Puzio, responsabile sicurezza e immigrazione; dal dott. Pietro Nevola, responsabile ambiente; e Michele Tricarico, che detiene la delega allo Sport.

Continua quindi il radicamento del Carroccio sul territorio, che si struttura anche tra i giovani. Anche a Foggia sbarca ufficialmente il movimento giovanile della Lega.. Sia Giampietro che Bonaccorso hanno pregresse esperienze politiche in movimenti giovanili, conoscenze che dovrebbero risultare utili per gestire al meglio le rispettive segreterie.

Ringrazio calorosamente il segretario regionale Andrea Caroppo, e il segretario provinciale Daniele Cusmai, per la fiducia accordatami – ha dichiarato Giampietro -. Sto costituendo al meglio la squadra che mi aiuterà nelle varie attività e a breve la renderò nota. Foggia è una realtà particolarmente difficile, ma i ragazzi hanno risposto sin da subito alla chiamata del nostro ministro dell’Interno. Riprova ne sono le cento tessere registrate nel giro di pochi giorni. Noi siamo sempre pronti a scendere in piazza per ascoltare i bisogni della gente e chiunque abbia bisogno di rendere noto un problema, può contattarci sulla nostra pagina Facebook (Lega Giovani – Foggia e provincia)”. Il neosegretario provinciale tende poi la mano ad “altri movimenti giovanili, con cui siamo disponibili a collaborare per il bene di questa città”. “Saremo sempre vicini ai nostri concittadini”.

La mia squadra è formata da giovani laureati e giovani professionisti, ma anche da studenti universitari. L’intera provincia ha accolto con grande favore la nascita della Lega Giovani. Alcuni ragazzi del direttivo provengono da Manfredonia, infatti. Siamo in contatto con ragazzi di varie realtà – Lucera, Troia, Cerignola, Monte Sant’Angelo – per poter estendere il movimento giovanile. Le idee di Matteo Salvini non attraggono solo gli adulti. I ragazzi ci cercano quotidianamente, sono ansiosi di fare politica. Questo è un bene: il futuro dipende da noi. Per quanto riguarda la realtà foggiana, contiamo di intraprendere nuove iniziative già nel mese di settembre”, ha dichiarato Mario Giampietro.

 

 

 

La Lega foggiana sta col ‘Capitano’: “Indagateci tutti, siamo complici di Matteo Salvini”

7 agosto 2018

Indagateci, siamo complici di Matteo Salvini”. E’ la scritta che campeggia sullo striscione con cui si è fotografata ieri la Lega provinciale di Foggia, in piazza del Lago, a due passi dalla sede del partito. Il riferimento è ovviamente all’indagine scattata sul Ministro degli Interni dopo il caso della nave Diciotti; lo stesso Salvini ha chiesto ai suoi di rispondere alla Procura di Agrigento con la campagna social #nessunotocchisalvini.

Segretario provinciale ed altri componenti del direttivo hanno scelto subito di esserci e di esprimere così solidarietà al loro “Capitano”. Lo hanno fatto all’esito di una riunione che ha definito nuovi ruoli ed incarichi all’interno sì da strutturarsi meglio in vista dei prossimi mesi, “cruciali per il partito, a Foggia e in Capitanata” dichiarano i leghisti foggiani.

Il direttivo provinciale, che affiancherà il segretario Daniele Cusmai, è così composto: Rocco Petrillo presidente onorario; Joseph Splendido vicesegretario regionale; Silvano Contini vicesegretario con delega al tesseramento; Carlo Virgilio tesoriere; alla Comunicazione Alessandro Liggeri; Amministrativo Marco Faienza. La new entry Raimondo Ursitti si prende la delega ai rapporti con i Comuni e, quindi, col territorio tutto, essendo da ieri il responsabile agli Enti locali; il livello organizzativo è nelle mani di Antonio Tricarico. Costituiti anche i dipartimenti: alla Sicurezza Michele Leombruno; Sociale Antonio Berardi; all’Ambiente Patrizia Melchiorre; Luigi Forte responsabile Turismo; alle Infrastrutture Primiano Di Mauro. C’è anche il capogruppo comunale Antonio Vigiano, responsabile Disabilità, e il consigliere comunale ex forzista passato alla Lega Paolo La Torre, che prende il Commercio. Fuori invece da ogni incarico l’altro consigliere comunale, Alfonso Fiore, tornato a casa dopo un periodo conflittuale col partito (per la mancata nomina a segretario provinciale): nonostante il chiarimento ed il rientro, Fiore, tra i primi a costituire il gruppo leghista foggiano in consiglio comunale, resta senza deleghe. Il bovinese Enzo Smacchia, già nominato segretario nella cittadina dauna, entra nel direttivo provinciale con la delega all’Agricoltura. Delega ai Giovani a Pietro Nevola. Questo l’organigramma del partito di Capitanata.

E se i leghisti decidono di esprimere solidarietà al Ministro con uno striscione, c’è chi fa resistenza. E’ il laboratorio politico Jacob, che sceglie i muri della città per stigmatizzare l’azione di Salvini: “La piaga di un quaranticinquenne social che, tra selfie e tweet, fa rimpiangere la serietà criminale di un Francesco Cossiga – scrivono sulla loro pagina fb in cui mostrano la scritta-. Noi gli abbiamo dedicato un muro pacchiano. E vi sfidiamo, compagnie e compagne – aggiungono-, a farlo nelle vostre città più pacchiano del nostro”. Il momento politico è servito. Anche a Foggia.

(Visitato 314 volte, 1 visite odierne)

About The Author

Potrebbe interessarti anche

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *