Discarica di Deliceto chiude i battenti: previsti rincari per i comuni

Deliceto. Entro il 30 ottobre la volumetria della discarica potrà dirsi colma in via definitiva. I rifiuti di molti comuni del Gargano, tra i quali Vieste, Peschici, Vico, e della Capitanata, quali Lucera, San Severo e la stessa Deliceto, saranno conferiti a Taranto.

Previsti aumenti dei costi per le amministrazioni interessate e per la Tari pagata dai cittadini.

La questione era stata già divulgata tempo addietro a Bari dall’assessore regionale all’ambiente, Filippo Caracciolo, e discussa in un incontro con i sindaci dei Comuni che conferiscono i loro rifiuti presso la discarica di Deliceto. Durante l’incontro tutti i sindaci presenti avevano sollecitato la Regione ad attivarsi allo scopo di riavviare la discarica.

I comuni finora afferenti a Deliceto dovranno tradurre la porzione indifferenziata dei loro rifiuti nella discarica di Taranto; la quota destinata al recupero energetico verrà invece conferita al termovalorizzatore di Manfredonia. Sarà pertanto previsto un rincaro della spesa del trattamento rifiuti corrisposta dai Comuni, e di conseguenza sull’importo della Tari per i cittadini.

Il presidente della provincia di Foggia, Francesco Miglio, per risolvere la questione, ha richiesto un colloquio urgente con il Commissario dell’agenzia Territoriale Regione Puglia per il Servizio di Gestione Rifiuti, Gianfranco Grandaliano.

 

(Visitato 113 volte, 1 visite odierne)

About The Author

Potrebbe interessarti anche

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *