Foggia inarrestabile. Steso l’Ascoli, salvezza a un passo.

Nell’anticipo all’insolito orario delle 19, il Foggia si sbarazza dell’Ascoli ed ipoteca la matematica permanenza nel campionatobcadetto.
Calabresi preferito a Tonucci per il Foggia, con Agazzi in luogo dello squalificato capitano Agnelli. Cosmi manda in campo Baldini a centrocampo e Mignanelli sulla sinistra. In attacco fuori Ganz, in campo Varela e Monachello.

Al quarto minuto scivola Calabresi e lancia in contropiede Varela, ma Camporese mette una pezza e chiude in corner.

Primo tiro della gara ad opera di Nicastro, al sesto minuto, con palla largamente al lato.

Al decimo minuto è Kragl a mettere i brividi alla difesa ascolana. Stoppa la palla di destro al limite dell’area e calcia con il sinistro, la deviazione del difensore bianconero costringe il tedesco in angolo.

Applausi per Nicastro al dodicesimo, con il numero 17 rossonero che tenta una rovesciata senza, però, riuscire a dare potenza alla palla.

Ancora solo Foggia in azioni propositive. Kragl calcia al lato al quindicesimo dopo uno scambio tutto mancino con Deli, Mazzeo cerca un cross teso e basso due minuti più tardi ma non c’è nessuno a centro area.

Al ventiquattresimo gol del vantaggio rossonero con una strepitosa azione conclusa da Deli. Agazzi supera tre calciatori al limite dell’area e tocca a sinistra per Mazzeo che si trasforma in assist-man e serve una palla precisa a Deli che deve solo appoggiare a rete. 1-0 Foggia.

Al 39esimo ancora Agazzi, in buona forma, prova ad impensierire il suo omonimo, Michael, portiere dell’Ascoli, che para bene a terra. Sul rovesciamento di fronte arriva un tiro fuori misura dei marchigiani.

In chiusura di prima frazione il raddoppio rossonero con Mazzeo. L’azione parte sempre da Agazzi che allarga per Kragl, il tiro col piede opposto è parato dal portiere marchigiano, Zambelli non riesce ad approfittarne sulla respinta, poi arriva il tap-in di Mazzeo. Il gol del 2-0 chiude il primo tempo con il Foggia decisamente meglio dell’Ascoli.

Doppio cambio nell’Ascoli ad inizio ripresa. Cosmi manda in campo Kanoute e Cherubin per Buzzegoli e Gigliotti.

Primo tiro in porta dell’Ascoli al 50esimo. Cross su punizione con colpo di testa di Monachello ben parato in angolo da Guarna.

Al 55esimo grandissima palla di Agazzi in profondità per Deli che punta il portiere tutto solo, lo salta e si fa atterrare. Rigore per il Foggia ed espulsione di Michael Agazzi. Cosmi è costretto al terzo cambio, entra il secondo portiere Lanni ed esce Baldini. Dal dischetto Mazzeo si fa ipnotizzare dal nuovo estremo difensore marchigiano che para a terra.

Per il nuovo gol del Foggia, però, basta attendere una trentina di secondi perché dopo il calcio d’angolo è Kragl a rimettere palla al centro in modo teso e preciso per Loiacono che solissimo mette a segno il gol del 3-0 bagnando la sua fascia da capitano vista l’assenza di Agnelli.

Nella seconda parte di gara rifiatano Mazzeo e Nicastro, al 72esimo entrano Beretta e il francese Duhamel. Determinati, i due attaccanti provano nel finale a mettersi in luce, soprattutto Beretta con un paio di spunti. Termina 3-0 per il Foggia una gara nettamente in mano ai rossoneri.
Inviato dall’app Tiscali Mail.

(Visitato 53 volte, 1 visite odierne)

About The Author

Potrebbe interessarti anche

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *