IL VICE PREMER DI MAIO INCONTRA ,A FOGGIA, AGRICOLTORI E SINDACATI PER CONTRASTARE IL TRISTE FENOMENO DEL CAPORALATO

      IL VICE PREMER DI MAIO INCONTRA ,A FOGGIA,  AGRICOLTORI E SINDACATI PER        

               CONTRASTARE IL TRISTE FENOMENO DEL CAPORALATO

Diverse agenzie di stampa hanno informato che Luigi Di Maio,vice premer e ministro del Lavoro ha indetto un vertice che si terrà lunedì 3 settembre,presso la Prefettura di Foggia, nel corso del quale ascolterà i rappresentanti delle diverse sigle sindacali del mondo del lavoro agricolo, FAI, FLOI e UILA,oltre che i rappresentanti della CAI,Confederazione agricoltori italiani.

L’incontro è finalizzato ad individuare le diverse strategie necessarie a contrastare il triste fenomeno del caporalato intervenendo con la modifica delle leggi che attualmente disciplinano i contratti in agricoltura, sia attraverso nuovi strumenti di lotta alla criminalità e alle

agromafie,incentivando un maggior sostegno a favore delle aziende virtuose e nuove assunzioni e alleggerendo  gli oneri contributivi e tasse.

I riflettori sono ormai puntati da tempo sulle vergognose condizioni di vita degli immigrati impiegati nei lavori agricoli soprattutto nella raccolte del pomodoro, olive ed uva, sottoposti a turni massacranti, sfruttati e costretti a vivere nella clandestinità, in alloggi precari e fatiscenti .

Tale attenzione è salita alle stelle in seguito ai due gravi episodi,avvenuti un mese fa, nel corso dei quali 16 immigrati braccianti agricoli sono morti in Capitanata, in due incidenti stradali mentre tornavano dal lavoro,trasportati dai loro caporali su veicoli insicuri e fuori legge.

Il Prefetto di Foggia,dr. Massimo Mariani ha dichiarato che è auspicabile una soluzione corale e condivisa del problema i cui aspetti arcaici involgono profili che vanno oltre la sicurezza pubblica.

Anche il procuratore capo della Repubblica,dr. Ludovico Vaccaro,anch’egli indignato per il vergognoso trattamento riservato agli immigrati (“un trattamento peggiore di quello riservato agli animali”), in una intervista rilasciata all’Agenzia “Dire” ha affermato di aver raddoppiato il numero di magistrati impegnati nel pool investigativo per il contrasto del caporalato e già i primi risultati positivi si stanno avendo.

 

(Visitato 113 volte, 1 visite odierne)

About The Author

Potrebbe interessarti anche

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *