L’ARCIVESCOVO PADRE FRANCO MOSCONE INCONTRA GLI OSPITI E I FAMILIARI DELLA “STELLA MARIS”

L’ARCIVESCOVO PADRE FRANCO MOSCONE

INCONTRA GLI OSPITI E I FAMILIARI DELLA “STELLA MARIS”

Michele Illiceto

 

Ieri pomeriggio, l’arcivescovo padre Franco Moscone, appena rientrato da un breve periodo di riposo nella sua terra, ha incontrato, sia gli anziani ospiti della casa ‘Stella Maris’ di Manfredonia che i loro familiari, celebrando con loro e per loro la liturgia eucaristica. Tale visita è stata voluta per esprimere la vicinanza e la solidarietà del Pastore, della Comunità ecclesiale e dell’intera città, alle persone ospiti della struttura, in modo particolare alle vittime dei recenti abusi e degli atti di violenza di cui ha parlato la cronaca sia locale che nazionale nei giorni scorsi, ma ha anche avuto come obiettivo il dare sostegno psicologico e spirituale alle famiglie che, invece di vedere i propri cari al centro delle cure e delle attenzioni del personale socio-sanitario della struttura, li ha visti da alcuni di essi, maltrattati e vilipesi. “Certo –  ha sottolineato il nostro Pastore durante l’omelia – anche se non bisogna generalizzare né fare di tutta un’erba un fascio, resta il fatto che tutto ciò non sarebbe dovuto accadere. Spero, come sono convinto, che si sia trattato di un fatto parziale e non di un fatto di sistema. Lo scopo di tali strutture  – ha continuato – è quello di offrire servizi alla persona, adattando il proprio operato sia all’età che alle condizioni di salute degli ospiti, nel rispetto della dignità di ciascuno e dei diritti della persona umana, specie se in situazioni di grave malattia, di fragilità e di dolore. Prendersi cura della singola persona è prendersi cura dell’intera comunità”.

Il Vescovo ha denunciato poi tutti quei meccanismi perversi che possono indurre una struttura adibita al sollievo della sofferenza, a speculare sul dolore e sulle fragilità altrui, in nome del profitto, omettendo di migliorare la qualità della vita di quanti trovandosi a trascorrere gli ultimi anni della loro esistenza in una struttura e fidandosi del personale preposto, si aspettano di ricevere le dovute attenzioni e cure. Non si ha a che fare con dei numeri, ma con delle persone che hanno un volto e un nome, storie da raccontare e vissuti da tramandare. “Bisogna superare  – ha continuato padre Franco – lo schema costi/benefici, e non ridurre il servizio agli anziani alle sole logiche di mercato. Le strutture socio-sanitarie, prima che come aziende, vanno viste come delle comunità dove ci si prende cura delle persone fragili, anteponendo le loro esigenze a qualsiasi altra istanza. A un’economia basata sul solo profitto, bisogna sostituire un’economia del servizio e della solidarietà, un’economa del bene comune. E questo proprio perché al centro di tutto il sistema di cura deve stare la persona, colta e valorizzata nella sua unicità e irripetibilità. Il Vescovo ha inoltre esortato a porre maggiore attenzione nel reclutamento del personale adibito a tali servizi, che, oltre a competenze di tipo socio-sanitarie, deve possedere grande sensibilità umana, delicatezza, empatia e grande capacità di prossimità e di tenerezza. Non tutti possono fare questo tipo lavoro, visto che esso richiede una grande capacità di fare proprio il dolore altrui”.

Ai parenti e ai familiari ha espresso poi tutta la solidarietà della Chiesa che in questo momento, come tutta la città, si sente scossa e ferita, auspicando una maggiore collaborazione tra famiglie e operatori socio-sanitari, per una solerte vigilanza, al fine di prevenire in futuro casi brutali come quelli accaduti. Ha poi invitato le famiglie a collaborare e a non cedere alla tentazione di delegare: “Vigilare , infatti, è un impegno che riguarda tutti. Siamo tutti sentinelle gli uni degli altri”.

Ricordando le brutalità commesse, ha sottolineato quindi che “Chi ferisce un uomo, specie se fragile, è come se ferisse Dio. E chi tocca gli anziani, tocca tutti noi. Chi abusa di loro fa violenza all’intera comunità. E non basta indignarsi sui social. E’ necessario vigilare e impegnarsi, perché ciascuno faccia bene il proprio lavoro con onestà e responsabilità, oltre che con professionalità e deontologia”.

Quindi ha incoraggiato la Direzione a fare anzitutto chiarezza al proprio interno e a rialzarsi, superando questo momento di oscuramento. E per il futuro, ciascuno deve fare fino in fondo la propria parte, a cominciare da chi dirige fino ad arrivare a chi, stando a diretto contatto con queste persone indifese, opera in prima linea, sapendo che il loro modo di porsi può incidere positivamente o negativamente sul tipo di relazioni che si intrattengono. E rivolgendosi infine direttamene agli anziani, ha detto loro: “Voi siete una biblioteca vivente. Un patrimonio e una risorsa per l’intera comunità. Non sentitevi un peso, ma un ponte, non un’eredità da dilapidare, ma un’eredità su cui reinvestire. Voi siete la radice e il tronco, noi i rami e le foglie”. E agli operatori della Casa, ha detto che “siamo tutti chiamati a tenerci cari gli anziani, proteggerli e difenderli, allo scopo di rendere questo ultimo tratto della loro vita il meno doloroso e traumatico possibile e sappiate –  ha concluso –  che il Cristo creduto dai credenti, è presente nei malati e nei sofferenti allo stesso modo che nel sacramento del pane e del vino che sono su questo altare. E chiunque si prende cura di un fratello che è in situazione di bisogno, in fondo, senza saperlo soccorre lo stesso Cristo, il quale alla fine dei tempo lo accoglierà nella sua casa”.

Insomma, “Ogni persona è un tesoro prezioso da custodire. Sempre! Anche quando questo tesoro si nasconde in un vaso fragile, fatto di rughe e di piccole crepe”.

Dopo la messa, l’Arcivescovo, accompagnato dai sacerdoti della Casa, ha fatto il giro delle stanze per passare a salutare uno per uno gli ospiti, e con la mano nella mano si è fermato per ascoltare e consolare, e per ribadire che non si è soli e soprattutto che quello che è accaduto, mai più dovrà accadere.

E che ciò sia impegno di tutti. Nessuno escluso!

 

(Visitato 41 volte, 1 visite odierne)

About The Author

Potrebbe interessarti anche

Yevstakhii Zelinskyi, per gli amici Stas, è a Casa Sollievo dal 21 aprile
0

A Casa Sollievo della Sofferenza diagnosticata una malattia neurologica rara ad un profugo ucraino ricoverato da 5 mesi Stas, così si chiama il 27enne fuggito dalla guerra, con una diagnosi precisa non dovrà più fare terapie che potevano anche peggiorare la sua condizione. Adesso spera di poter tornare nella sua terra, a Leopoli: «Grazie Italia! Speriamo di tornare presto in Ucraina. Chiediamo solo di vivere in pace nelle nostre case». —————– Sarà finalmente dimesso nelle prossime settimane Yevstakhii Zelinskyi, per gli amici Stas, il paziente ucraino di 27 anni arrivato nell’IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo nell’aprile del 2022 per fuggire dalla guerra e trovare cure più efficaci per la sua malattia. È scappato dal suo paese insieme a sua madre grazie ad un gruppo spontaneo di cittadini che, con Missione Maestro, guidati dal regista Antonio Giampaolo, subito dopo l’inizio della guerra hanno iniziato spontaneamente a portare aiuti in Ucraina con l’apporto di volontari da tutta Italia. Nei territori colpiti dai primi bombardamenti russi, i volontari hanno evacuato donne e bambini e tra questi, a Leopoli, c’era un paziente con una malattia neurologica e gravi difficoltà di deambulazione. Arrivato in Puglia Stas aveva con sé una diagnosi di malattia neurologica complessa da 10 anni, definita come “sospetta sclerosi multipla”. Dopo il ricovero, comparando le sue risonanze magnetiche con quelle tipiche dei pazienti con sclerosi multipla, lo staff della Neurologia ha subito compreso che qualcosa non quadrava. Con un approccio multidisciplinare ‒ che ha coinvolto anche le unità di Neuroradiologia, Riabilitazione Fisica e Rianimazione II ‒ gli specialisti si sono convinti che la sua fosse sì una malattia demielinizzante, ma non definibile come sclerosi multipla. «Abbiamo così deciso di analizzare e studiare il liquor, un liquido del sistema nervoso centrale e i suoi campioni ematici ‒ hanno sottolineato i neurologi Danilo Fogli e Maria Bianchi ‒. Con la collaborazione del Laboratorio di Neuropatologia del Policlinico Gian Battista Rossi di Verona sono stati così individuati degli anticorpi che definiscono una sindrome “rara”, da poco identificata: encefalite autoimmune associata ad anticorpi anti-mog, una malattia che caratterizza l’1.5% delle malattie demielinizzanti. In pratica Stas ‒ spiegano i medici ‒ ha una complessa infiammazione cronica ai tessuti cerebrali causata da anticorpi che improvvisamente “impazziscono” ed attaccano i tessuti sani del cervello, provocando infiammazioni che si acutizzano e che con appositi trattamenti tornano in condizioni di quiescenza clinica». «Adesso Stas ha una diagnosi precisa di malattia autoimmune rara che coinvolge il Sistema Nervoso Centrale e potrà seguire terapie mirate per controllare in maniera più adeguata l’andamento clinico ‒ ha sottolineato Giuseppe d’Orsi, dal mese di maggio direttore dell’Unità di Neurologia dell’IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza ‒. Nel corso della degenza nel nostro reparto ha presentato un improvviso peggioramento delle sue condizioni cliniche con una sintomatologia neurologica e polmonare acuta che ha necessitato anche del supporto rianimatorio, e con un graduale miglioramento dopo terapie mirate a base di cortisone e di immunoglobuline. La diagnosi di precisione ha permesso di impostare una terapia mirata cronica immunosoppressiva che si spera possa essere continuata anche nel suo paese. Probabilmente nelle prossime settimane – ha concluso il primario – il paziente sarà dimesso per essere destinato ad una struttura residenziale riabilitativa. Per lui il cammino è ancora lungo e difficile. Continueremo a seguirlo a distanza anche in relazione ai principi di solidarietà ed affetto verso una persona sofferente a cui tutti in reparto si sono molto legati in questi mesi». Stas non vede l’ora di tornare in Ucraina, anche se c’è la guerra. È a San Giovanni Rotondo dal 21 aprile assieme a sua madre Alina, accolta dal Centro di Accoglienza Santa Maria delle Grazie della Fondazione Casa Sollievo della Sofferenza. «Vogliamo ringraziare tutti ‒ ha spiegato Stas con l’aiuto di sua madre ‒, innanzitutto Antonio e i volontari di Missione Maestro che ci hanno portato fin qui a San Giovanni Rotondo per le cure. In Ospedale ci sentiamo in famiglia, ci stiamo ormai da 5 mesi. Non smetteremo mai di ringraziare medici, infermieri, OSS, tecnici, e tutto il personale con il quale abbiamo stretto una bella amicizia. Adesso speriamo presto di tornare nella nostra terra, a Leopoli, che qualcuno vuole sottrarci. In fondo ‒ ha concluso ‒ noi chiediamo solo di vivere in pace nelle nostre case. Grazie all’Italia per tutto l’affetto e per le cure. Non lo dimenticheremo mai». ————————————————- IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza Casa Sollievo della Sofferenza è un ospedale ad elevata specializzazione, di proprietà della Santa Sede, riconosciuto dal 1991 come Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico per la tematica di riconoscimento “Malattie genetiche, terapie innovative e medicina rigenerativa”. L’Ospedale conta circa 2.700 dipendenti, di cui 164 ricercatori tra biologi, medici, biotecnologi, statistici, ingegneri, bioinformatici e tecnici; il 60% dei ricercatori è costituito da personale con età inferiore ai 35 anni. Dalla seconda metà del 2015 è operativo il nuovo Centro di Ricerca di Medicina Rigenerativa ISBReMIT, struttura all’avanguardia per concezione e dotazioni nell’ambito della medicina traslazionale per le malattie genetiche, degenerative e oncologiche. La struttura ospita, tra i laboratori ad altissimo contenuto tecnologico, una cell factory e un laboratorio per la produzione di biofarmaci in regime di Good Manifacturing Practice, vale a dire per uso clinico, ad includere, cellule staminali somatiche e iPS, vettori per terapia genica e biomateriali. ——————————————– Per ulteriori informazioni Ufficio della Comunicazione e Relazioni Esterne IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza (Nicola Fiorentino, giornalista) Tel. 0882.835521; Cell. 366.6511656; ufficiocomunicazione@operapadrepio.it; www.operapadrepio.it

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *