LETTERA DI UN CITTADINO: Francois Brunatto ( figlio di Emanuele)

IERI IL COMUNE DI SAN GIOVANNI ROTONDO SI È TRASFORMATO PER 20 MINUTI IN UN “INGANNEVOLE” TRIBUNALE DELLA STORIA .

ECCO LA RISPOSTA DI FRANCOIS BRUNATTO AL SINDACO DI SAN GIOVANNI ROTONDO

Scusa per la qualità del mio italiano, mi aiuterò a tradurre su Google.

Sono triste e molto arrabbiato per tanta stupidità e ignoranza. La storia non riguarda l’allineamento di alcuni riferimenti per far credere nella verità.

Ho avuto l’impressione di sentire Sergio Luzzatto …

Com’è possibile, nel 2020, mettere in discussione la vicenda di Emanuele Brunatto, soprattutto con argomentazioni così ingannevoli.

Esiste una prova scritta del pagamento di 3.500.000 franchi francesi per il 1941, la copia è stata fornita al municipio.È un peccato portare il dibattito in questo modo.

Tutti sapevano che sarei venuto in SGR nel settembre del 2020, perché non mi avete fatto le domande ? Perché il sindaco non mi ha mai fatto la domanda, nemmeno durante la sua intervista a settembre 2019?

Oggi ho avuto l’impressione di sentire un grande INQUISITORE, cosa vuoi fare? un processo a Brunatto?
Signori troppo tardi, è già avvenuto nel 1951 e tutte le prove che state cercando sono lì.

La scorsa settimana è morto, il mio amico, mio ​​fratello Maurice Soustiel che ha avuto il tempo di far conoscere la storia di mio padre, deve voltarsi nella sua tomba davanti a tante sciocchezze.

Dato che sono in contatto con il sindaco su whatsapp, è stato facile interrogarsi su questo o quel punto storico …

Vuoi delle prove, è perfetto, le pubblicherò sulla mia pagina facebook, purtroppo saranno per te la prova della tua ignoranza.

La tua richiesta sotto forma di requisitoria è un insulto alla memoria di Emanuele Brunatto.

Nel bel mezzo di un periodo di sofferenza e difficoltà con la pandemia globale, non hai altra cosa da fare che insultare i morti ???

(Visitato 216 volte, 6 visite odierne)

About The Author

Potrebbe interessarti anche

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *