Manfredonia: bruciano rifiuti tossici in località Siponto

Il 27 gennaio, mentre erano di pattuglia, i Carabinieri della Compagnia di Intervento Operativo dell’XI Reggimento Puglia hanno notato degli alti roghi provenire da un campo in località Siponto.

Le fiamme erano state provocate da diversi individui, uno dei quali ha ammesso di essere il proprietario del podere e di avere appiccato il fuoco, bruciando rifiuti di vario tipo (elettrodomestici, plastiche, sanitari, bombolette spray e pezzi di eternit) che avevano provocato un fumo denso e scuro.

All’uomo è stato intimato di provvedere allo spegnimento del fuoco.

Successivamente, grazie all’intervento della Stazione Carabinieri Forestale “Parco” Lago Salso, è stata accertata l’esistenza di 3 diverse aree di sversamento di rifiuti nocivi (di 28 m2, 49 m2 e 160 m2) e l’esistenza di altrettanti proprietari.

I responsabili sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria per violazione di norme a tutela dell’ambiente, più precisamente per abbandono di rifiuti, gestione illecita e combustione degli stessi.

Inoltre la zona interessata, poiché in prossimità della Basilica Paleocristiana di Siponto, è sottoposta a vincolo archeologico.

Le attività investigative continuano sia per individuare altri eventuali responsabili sia per verificare la natura e il livello tossico dei rifiuti.

(Visitato 105 volte, 1 visite odierne)

About The Author

Potrebbe interessarti anche

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *