Manfredonia: UNA CITTA’ FERITA CHE TENTA DI RIALZARSI

                   UNA CITTA’ FERITA CHE TENTA DI RIALZARSI

                      Indetto un primo Forum “Manfredonia Ri-alzati!”

E’ successo in pochi mesi, ma la gestazione del malessere viene verosimilmente da lontano.

Ma restiamo alla cronaca recente: il 21 maggio di quest’anno l’Amministrazione Comunale viene sciolta per dimissioni del Sindaco Riccardi; ora il Governo ha disposto che la città di Manfredonia sia gestita ,per 18 mesi, da una Commissione straordinaria, in considerazione di accertati condizionamenti criminali.

Queste notizie sono già vecchie e come tali  fanno parte del vissuto nel quale ciascuna persona di buon senso è chiamata  a confrontarsi e ragionare.

Come uscire da tanta palude? Come buttarsi alle spalle tanto marciume e volare in alto respirando aria pulita?.

Un seme è stato gettato, ed un gesto significativo è stato sollevato dal Pastore spirituale della arcidiocesi garganica, mons. Franco Moscone, pochi giorni fa ,in occasione della Festa di Santa Maria Regina di Siponto.

L’arcivescovo ha in pratica rivolto alla città ed ai cristiani un pressante invito ad uscire dalla palude in cui si dimena la città ,a riprendersi il proprio destino a combattere per il bene comune, a dare spessore alla speranza di una vita cristiana attraverso le opere di bene e l’impegno politico.

Ora il messaggio di speranza lanciato dal Vescovo è stato raccolto dai parrocchiani

della parrocchia “Sacra Famiglia” ,i quali hanno promosso un Forum sul tema “Manfredonia RI-ALZATI!”  e  dato appuntamento il giorno 3 novembre ,alle ore 16 presso il centro parrocchiale.

La Parrocchia della “Sacra Famiglia”, già molto attiva e sensibile per le concrete iniziative messe in campo in favore dei giovani e  la integrazione sociale,  intende realizzare insieme alla sua comunità una progettazione condivisa, una educazione alla politica, una strategia finalizzata a svegliare le coscienze e sensibilizzare la comunità al bene comune.

G.P.

 

 

(Visitato 43 volte, 1 visite odierne)

About The Author

Potrebbe interessarti anche

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *