NASCE IL GRUPPO «AMICI DI PADRE PIO»

NASCE IL GRUPPO «AMICI DI PADRE PIO»

 

Alcuni amici, devoti di P. Pio, su indicazione di Costanzo Bocci e pochi altri, tra cui il dott. Giuseppe Villani, hanno voluto dare vita ad un gruppo, così denominati AMICI DI PADRE PIO, riunendosi la sera dell’11 ottobre 2018, nel salone della Chiesa S. Leonardo. L’incontro ha visto la partecipazione particolarmente nutrita di tante persone, che, memori di quanto ha fatto P. Pio per tutta la comunità locale, hanno sentito a fronte di un certo affievolimento sulla figura di P. Pio, l’obbligo morale di riportare alla memoria la sua spiritualità e le sue opere.

La partecipazione di alcuni, che hanno avuto la fortuna se non il privilegio di aver assistito o frequentato P. Pio, ha rafforzato nei presenti l’idea di operare sul fronte dei giovani.

Così il Gruppo ha iniziato a gettare i primi semi, collaborando con alcune scuole durante l’a.s. 2018-2019, (vedi l’istituto Comprensivo Dante-Galiani, la Melchionda-De Bonis e l’Istituto Alberghiero “M. LECCE”) inserendosi nella programmazione d’istituto con modalità differente tra una scuola e l’altra.

La “ Dante” ha concluso il proprio percorso con la realizzazione nel mese di maggio, con una copiosa produzione di cartelloni, di disegni (alcuni erano davvero molto espressivi e significativi), di alcune poesie e testi scritti con richiami storico-geografici del paese d’un tempo, imperniati tutti sulla figura del Santo stigmatizzato.

Hanno presenziato l’esposizione, come giuria di esperti, la prof.ssa Rosa Di Maggio, nota nel campo dell’editoria per aver curato e pubblicato raccolte di poesie, favole, novelle e prose su personaggi locali, oltre ad aver scritto una grande varietà di testi storico- biografici e teatrali, e il M° Giovanni

Tamburrano, conosciuto e apprezzato a livello nazionale e anche fuori dai nostri confini, per i suoi rinomati quadri di grande spessore artistico, dove è forte la garganicità nei suoi lavori e la pregnanza dell’afflato ispiratore del nostro P. Pio, tributandogli  il suo amore filiale con una vastissima gamma di dipinti sulla poliedricità del suo volto.

Il progetto, portato avanti dalla “Melchionda”, ha visto il coinvolgimento degli scolari di 4ª e di 5ª iniziando con la proiezione e il commento di foto del vasto archivio del noto fotografo Elia Stelluto, testimone di tanti episodi condivisi con P. Pio.

Il progetto, come era nelle previsioni, si è concluso, con un’uscita dalle mura scolastiche, ripercorrendo parte dei luoghi visitati da P. Pio.

La partenza è avvenuta da Piazza P. Pio, luogo per eccellenza dedicata in suo onore. Durante il percorso, per ogni luogo visitato, la prof.ssa Rosa Di Maggio, in qualità di esperta e studiosa della

storia locale, ha avuto modo di fornire ai ragazzi non solo tutte le spiegazioni del caso, ma anche sotto il profilo storico-economico e sociale in maniera più che esauriente.

L’organizzazione predisposta dalla scuola è stata, sotto il profilo della sicurezza, per tutto il tragitto, perfetta, grazie, anche, alla piena collaborazione da parte dei carabinieri, della polizia municipale, della protezione civile, della Casa Sollievo della Sofferenza per aver messo a disposizione un’autoambulanza. Il plauso e il ringraziamento del Gruppo va a tutte queste componenti e in particolare ai Dirigenti scolastici, Prof. Francesco Pio D’Amore, Dott.ssa Maria Fiore e Prof. Masullo per aver dimostrato sensibilità verso il territorio consentendo la buona riuscita del progetto.

In rappresentanza del Convento, poi, Fra Pasquale e Fra Giovanni frati hanno voluto accompagnare le scolaresche per tutto il tragitto, mentre durante la sosta sul sagrato della Chiesa Santa Maria delle Grazie, il Rettore Fra Francesco Di Leo ha impartito la benedizione a tutti, alunni, genitori e insegnanti.

E a conclusione del percorso, sono stati offerti gratuitamente un pranzo agli alunni dall’Hotel Corona, molto sensibile ad opere sociali e il trasporto dalla Ditta Centra per raggiungere la strada del ritorno.

Quanto alla collaborazione con l’Istituto Alberghiero “M. Lecce”,  sono stati avviati alcuni incontri con gli studenti di 4° e 5° anno, durante i quali si è data l’opportunità non solo di prendere visione di foto anche inedite, sempre fornite e commentate dal fotografo Elia Stelluto, ma anche di ascoltare delle testimonianze su alcuni momenti della vita vissuta di P. Pio da parte di Padre Marciano Morra, il quale, tra l’altro, è stato  promotore e diretto testimone, per la nascita e la realizzazione della piazza dedicata a P. Pio, con la messa in posa del monumento del celebre artista Pericle Fazzini, e del dott. Giovanni Scarale, che ha assistito il Padre, durante gli ultimi respiri della sua vita terrena. La narrazione di quest’ultimo evento ha registrato momenti particolarmente emozionanti presso l’uditorio.

Forte di queste esperienze, anche quest’anno, il Gruppo ha voluto cimentarsi con maggiore impegno sempre sulla figura di P. PIO, ma focalizzando l’attenzione su personaggi che hanno conosciuto P. Pio e vissuto vicino.

L’intento del Gruppo, oggi, è di programmare un percorso di ampio respiro triennale con le varie scuole sollecitando gli alunni ad una ricerca documentaria e di testimoni più o meno noti non solo di fama nazionale ed internazionale, ma soprattutto locali. Si cercherà di privilegiare là dove possibile la ricerca di personaggi locali poco noti ma pur sempre di grande importanza.

E per dare corso al nuovo anno, intanto, si vuole cogliere l’occasione della traslazione della salma di Emanuele Brunatto da Roma a S. Giovanni prevista il 2 maggio prossimo, personaggio poliedrico quanto misterioso, da uomo di mondo, libertino, poeta, scrittore, faccendiere, businessman, a uomo convertito dando il meglio di sé nel perorare la causa di P. Pio, nei momenti più difficili, e prodigandosi, finanche a rischio della propria vita, verso il prossimo.

Sono previste diverse attività per la circostanza, tanto per citarne qualcuna, l’organizzazione di un torneo di calcio per pari grado, elementare, medie e superiori e la messa in opera di una rappresentazione musicale per il 25 maggio prossimo, giorno della nascita di P. Pio con la premiazione delle squadre vincitrici da parte delle autorità civili e religiose.

San Giovanni Rotondo, 21 novembre 2019

 

Gli Amici di P. Pio

 

(Visitato 72 volte, 1 visite odierne)

About The Author

Potrebbe interessarti anche

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *