SAN GIOVANNI ROTONDO: “ADOTTA UN LOCALE”

“ADOTTA UN LOCALE”

Area Tricolore a supporto della ristorazione colpita duramente dalle misure messe in atto per contrastare la diffusione del coronavirus

Tra le nuove misure inserite nell’ultimo Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, entrate in vigore il 26 ottobre e valide fino al 24 novembre per far fronte all’aggravarsi dell’emergenza sanitaria causata dal coronavirus, è prevista la chiusura anticipata alle 18.00 per tutto il settore della ristorazione.
Riteniamo che questa disposizione si concretizzerà presto nella condanna a morte di categorie che ci rappresentano nel mondo e che in Italia generano un indotto con un impatto importante sul PIL, garantendo posti di lavoro e diritti sociali.
Far chiudere alle 18.00, di fatto, determinerà una drastica diminuzione di fatturato dal momento che i maggiori guadagni arrivano proprio in orario serale.
Locali controllati e sicuri, con ingenti investimenti fatti per garantire sanificazione e distanziamento, con la riduzione dei tavoli e personale adeguatamente preparato, rischiano ora di vedere annientati i sacrifici di una vita a causa di una strategia precisa, che evidenzia la tendenza a colpire con particolare acredine le attività produttive, tutta la filiera della ristorazione, dell’ospitalità e del turismo.
Comprendiamo i timori e la rabbia di chi perde la sua fonte di reddito e che in questi giorni scende in piazza per manifestare il suo dolore, e vogliamo mostrare il nostro appoggio a queste categorie sostenendo le loro attività.

 Invitiamo ad aumentare, nel rispetto delle regole sanitarie di prevenzione del contagio, le occasioni per fare colazione al bar, andare a pranzo al ristorante, ma soprattutto comprare cibo da asporto e scegliere la consegna a casa.

Supportiamo i ristoranti, i bar, i pub, le pizzerie e le enoteche della nostra zona, e stringiamoci idealmente a chi, in questo momento, ha bisogno del nostro sostegno economico.
Nicola Morcavallo
Presidente Area Tricolore
(Visitato 228 volte, 1 visite odierne)

About The Author

Potrebbe interessarti anche

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *