Situazione rifiuti nel porto di Manfredonia: nuovi sviluppi verso una risoluzione

Manfredonia. La rimozione di tutti i cassonetti preposti alla raccolta dei rifiuti e dei gabbiotti riservati al conferimento e raccolta degli oli esausti ha negli ultimi tempi ingenerato una situazione critica sul fronte della raccolta rifiuti. Si tratta di una problematica che interessa direttamente anche l’esercizio della pesca. Crescente l’abbandono dei rifiuti – speciali e non – in questi luoghi. Una situazione che ha impensierito il presidente di Legambiente Puglia, Francesco Tarantini, nonché il presidente del Circolo Legambiente di Manfredonia, Emanuela Bisceglia.
Sono circa 250 miliardi le micro particelle di plastica che oggi fluttuano alla deriva nel Mediterraneo, spesso assumendo la triste fisionomia di trappole mortali per la fauna marina, mentre gli stessi rifiuti danneggiano pesantemente la pesca, il turismo, l’acquacoltura. Questo è l’allarmante quadro che emerge dal rapporto del Centro comune di ricerca della Commissione europea sulla minaccia rappresentata dai rifiuti marini per l’ecosistema, la salute e le attività economiche.
Il divieto di abbandono dei rifiuti in ambito portuale è già vigente da tempo; ulteriori normative sono state introdotte a partire dal 2000, al fine di ridimensionare l’inquinamento marino, che ha ormai assunto livelli preoccupanti. Tutti i porti devono predisporre adeguati impianti di raccolta e servizi atti di gestire le più svariate tipologie di rifiuti. Tuttavia il problema della gestione dei rifiuti nelle aree portuali è molto sentito in Italia, a causa dell’assenza di adeguati punti di conferimento, nonché di una carenza nei processi di raccolta, smaltimento o riciclo. Per tali motivi Legambiente ha chiesto al comune di attivarsi per sperimentare un progetto pilota da inserire tra le innovazioni promosse dal Governo nell’ambito della Green Economy per la gestione dei rifiuti.
Già in passato il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, aveva espresso la necessità di introdurre una legge regionale per la pulizia dei mari e dei fondali.
Il comune di Manfredonia si è attivato, organizzando una serie di incontri con l’autorità portuale, volti a gestire le problematiche inerenti il porto. Il sindaco Angelo Riccardi ha indetto un incontro, al quale sono stati convocati diversi operatori del porto di Manfredonia, per la presentazione del Piano Operativo Triennale dell’Autorità del sistema portuale del mare Adriatico meridionale. In occasione della presentazione del Piano l’assessore Zammarano ha dichiarato l’intenzione di realizzare tavoli periodici specifici e tematici, nell’intento di seguire al meglio le problematiche portuali, con attenzione particolare a quelle ambientali.
A destare preoccupazione, secondo quanto riferito dall’assessore all’Ambiente, Innocenza Starace, la totale assenza di isole ecologiche per conferimento degli oli esausti, cosicché l’utente, non sapendo dove conferire gli oli, poteva scegliere di versarli in mare, provocando noti danni ambientali. Il Comune ha indetto diversi gli incontri tra le rappresentanze comunali e il comandante della Capitaneria di porto, il capitano di fregata, Silvio Del Casale, sempre sensibili alla problematica e impegnati nella ricerca di una soluzione. Il sindaco Riccardi e l’assessore Starace hanno sostenuto l’importanza di ricercare una soluzione condivisa da tutti al pressante problema.
In conclusione, nell’occasione dell’ultimo tavolo tecnico, si è stabilita la necessità di incontri periodici, al fine di valutare tutte le necessità del caso. Un primo, urgente obiettivo è raggiunto: il porto è stato sgomberato dai rifiuti accumulatisi dopo la scadenza delle precedente convenzione. Lo step successivo prevede che si stabiliscano celermente le modalità di pulizia ordinaria dei rifiuti ‘normali’, che dovranno essere opportunamente differenziati, e degli olii esausti.

(Visitato 190 volte, 1 visite odierne)

About The Author

Potrebbe interessarti anche

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *