UN CENTRO “NEL CENTRO” PER AIUTARE I MINORI

UN CENTRO “NEL CENTRO”

PER AIUTARE I MINORI

Partito il prolungamento dell’Assistenza Domiciliare Educativa, riservato a 15 minori. L’assessora Rossella Fini: «La struttura di piazza De Mattias, in pieno centro storico, è destinata a un nuovo concetto di coinvolgimento e partecipazione attiva alle politiche sociali da parte di soggetti socio-svantaggiati.» Sarà attivato lo Sportello Famiglie.

SAN GIOVANNI ROTONDO 2 luglio 2018  È partita la parte conclusiva del progetto socio-educativo per minori, rientrante nelle attività dell’ADE (Assistenza Domiciliare Educativa), organizzato dal comune di San Gioovanni Rotondo all’interno dell’Ambito Territoriale.

Dal e fino al 14 luglio, in collaborazione con la cooperativa Socialservice, 15 minori socio-svantaggiati, in età compresa tra 6 e 16 anni, svolgeranno attività ludico-educative all’interno dei locali del Centro Socio Educativo Minori di piazza De Mattias, realizzato con il PSR 2007-2013 Fondo FEASR.

«Abbiamo realizzato un prolungamento del progetto che è stato fortemente sostenuto dal sindaco Costanzo Cascavilla e attivato dall’amministrazione comunale due anni fa, e che vuole essere un ulteriore supporto alle politiche di sostegno alla famiglie e che potrebbe diventare propedeutico all’apertura di uno sportello dedicato alle famiglie, che qualificherebbe ulteriormente una struttura che è un gioiello per il nostro centro storico, visto che può rappresentare un polo di attrazione culturale, educativa e di integrazione sociale», sostiene l’assessora alle politiche sociali, Rossella Fini.

Infatti, il nuovo centro polifunzionale è predisposto ad ospitare varie attività che vogliono rappresentare un concetto innovativo dei processi educativi per i minori, in modo da renderli più partecipati e altamente inclusivi, offrendo anche loro prospettive concrete di occupazione, visto che saranno attivati laboratori artigianali, con specifico riferimento alla cultura rurale e alla valorizzazione delle tradizioni locali.

«Gli educatori avranno il compito di accompagnare i minori nelle varie attività previste, che riguarderanno anche visite guidate, incontri di recupero della memoria storica e delle tradizioni, ma che avranno un unico denominatore legato alla partecipazione dei minori che rivestiranno un ruolo attivo nella organizzazione degli eventi e di coinvolgimento nella valorizzazione di una struttura che diventerà attrattiva non solo per il centro storico, ma per le future manifestazioni che si realizzeranno in città», conclude l’assessora Fini.

 

(Visitato 141 volte, 1 visite odierne)

About The Author

Potrebbe interessarti anche

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *