Venerdì 2 aprile, ricorre la Giornata Mondiale della consapevolezza sull’autismo. 

Venerdì 2 aprile, ricorre la Giornata Mondiale della consapevolezza sull’autismo. 

L’IC PASCOLI-FORGIONE, in questa giornata, vuole accendere una luce speciale per essere più vicina agli alunni e alle famiglie.

Attraverso un lavoro di consapevolezza e riflessione, proviamo ad accrescere nei bambini, negli adolescenti e negli adulti la conoscenza e la sensibilità sul tema della differenza, sull’alterità, favorendo la qualità dell’inclusione scolastica e sociale.

Le classi 3C della Scuola Primaria “F. Forgione” e 3B della Scuola Secondaria di primo grado “G. Pascoli”, attraverso un laboratorio di lettura, progettato dall’insegnante Celestina Turi, hanno incontrato e praticato i pensieri e le emozioni di Andrea Antonello, autore del libro Le parole che non riesco a dire. Andrea, con il suo vivere, ci insegna come “… vedere il mondo al contrario, essere speciali difficili divertenti…essere opera diversa”.

Sorprendente e inaspettato è risultato il dialogo con l’Associazione “I bambini delle fate” grazie alla quale siamo riusciti ad avere e vivere un video-messaggio di Andrea nel quale lo stesso saluta e invita i ragazzi a leggere… un’emozione particolare per i ragazzi che hanno potuto vedere Andrea e sentire la sua voce tutta per loro.

Riflettendo sulle parole e sulla esperienza di vita quotidiana di Andrea, i nostri alunni hanno esternato i propri pensieri sull’autismo e rielaborato attraverso disegni le sue emozioni.

L’inclusività è la caratteristica distintiva dell’ Istituto Pascoli Forgione. L’’impegno quotidiano della nostra scuola, attraverso i docenti, gli alunni e tutti gli operatori scolastici, è quello di accogliere i bambini e le bambine e, in particolare,  i bambini e le bambine con bisogni educativi speciali. Garantiamo un ambiente sereno, attento e ricco di stimoli affinché tutti abbiano la possibilità di crescere e di apprendere senza che nessuno resti indietro o perda occasioni. Pertanto,  ha fatto sapere la Dirigente Scolastica,  dottoressa Maria Fiore, l’iniziativa del 2 aprile vuole essere una finestra di osservazione del nostro lavoro quotidiano.”

(Visitato 65 volte, 1 visite odierne)

About The Author

Potrebbe interessarti anche

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *