Scatta l’operazione “Vota Vico”: dal 13 marzo la corsa al Borgo dei Borghi

Scatta l’operazione “Vota Vico”: dal 13 marzo la corsa al Borgo dei Borghi

Vetrina nazionale su Rai 3 per 20 comuni italiani: Vico del Gargano rappresenterà la Puglia

VICO DEL GARGANO (Fg) – Domenica 13 marzo ore 18.40: è questo il momento a partire dal quale si potrà votare per Vico del Gargano, uno dei 20 paesi d’Italia e l’unico della Puglia, che concorrerà al titolo di Borgo dei Borghi, concorso organizzato dalla rete “I Borghi più belli d’Italia” e da Kilimangiaro, trasmissione in onda ogni domenica su Rai 3.

COME SI VOTA. Si potrà votare tutti i giorni (chi ha votato, può farlo nuovamente il giorno dopo e in quelli successivi) accedendo al sito www.rai.it/borgodeiborghi. Il primo giorno utile per votare è il 13 marzo e si avrà la possibilità di farlo fino alla mezzanotte del 3 aprile. Su www.rai.it/borgodeiborghi saranno pubblicate le schede di ciascuno dei 20 comuni (uno per ogni regione) che concorreranno al titolo di paese più bello d’Italia. La classifica finale sarà rivelata durante una serata speciale di Kilimangiaro che andrà in onda domenica 17 aprile, giorno di Pasqua.

PER LA DAUNIA E PER TUTTA LA REGIONE. Vico del Gargano, nei mesi scorsi, ha superato le preselezioni ed è arrivato in finale per rappresentare l’intera regione. “E’ un onore rappresentare tutta la Puglia”, ha dichiarato il sindaco Michele Sementino. Il concorso si tiene dal 2014 e mai nessuna località pugliese è riuscita, finora, a vincere la finale e portare a casa il titolo di Borgo dei Borghi.

“La gara è importante, ma lo è ancora di più avere la possibilità attraverso essa di promuovere la Puglia, naturalmente a partire da Vico, dal Gargano e dalla provincia di Foggia”, ha aggiunto Sementino. “Le riprese registrate dalla troupe di Rai Tre, che saranno mandate in onda durante le puntate di Kilimangiaro, mostrano il mare del Gargano, la Foresta Umbra, le produzioni di pregio dell’agroalimentare di Capitanata, i luoghi che migliaia di foggiani, sanseveresi, cerignolani, lucerini e manfredoniani sentono loro perché li frequentano da sempre e fanno parte della loro vita. Vico del Gargano, San Menaio e Calenella fanno parte di quel patrimonio condiviso e amato da tutti. Per questo ci auguriamo un sostegno diffuso e massiccio della nostra provincia, innanzitutto, ma anche del resto della Puglia che ci onoriamo di rappresentare”.

LA MOBILITAZIONE. Il “paese dell’amore” si sta preparando. Sui social del Comune, che per l’occasione ha attivato anche l’account instagram vicodelgarganoborgodeiborghi, l’invito a votare per Vico del Gargano sarà lanciato attraverso video, fotografie e post che cercheranno di coinvolgere il maggior numero possibile di persone. Saranno pubblicati anche videomessaggi di personalità del mondo della cultura, dello spettacolo e di altri ambiti che inviteranno a sostenere Vico del Gargano.

LA CARTA D’IDENTITA’ DEL PAESE. Vico del Gargano si trova giusto al centro fra la meravigliosa Foresta Umbra e le splendide spiagge di San Menaio-Calenella. Il borgo ha origini medievali: chiese, antichi palazzi, le vie e le piazze del centro storico ricordano la sua antica fondazione. Vico è conosciuto anche come “il Paese dell’Amore”: il suo Patrono è San Valentino e, il 14 febbraio, la cittadina vichese si riempie di cuori, arance e limoni, poiché i suoi agrumi, come del resto la gustosissima ‘paposcia’ (il suo tipico panfocaccia) sono presidi Slow Food. Oltre agli agrumi, il patrimonio agroalimentare vichese è arricchito dall’olio extravergine d’oliva, prodotto da ulivi meravigliosi e frantoi di grande tradizione. Visitare Vico del Gargano è un’esperienza emozionante tutto l’anno, anche durante i tradizionali e suggestivi riti della Settimana Santa, con le processioni delle confraternite, i canti, la grande partecipazione popolare. Ne “Le città invisibili” di Calvino, Vico sarebbe il borgo sospeso: al centro la pietra; in basso, il mare; in alto, un secondo cielo, quello della Foresta Umbra. Vico del Gargano è una sorpresa ad ogni svolta, in ogni scorcio, tra la pietra e il cielo.

(Visitato 32 volte, 1 visite odierne)

About The Author

Potrebbe interessarti anche

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *